Giveaway: Mi vuoi sposare? di Elisabetta Belotti

16:01

Buongiorno a tutti! Sono contentissima di stare scrivendo questo post ma allo anche un po' agitata! Qualche giorno fa mi ha contattato la casa editrice Edizioni Cento Autori proponendomi di leggere e recensire Mi vuoi sposare? un libro di Elisabetta Belotti uscito recentemente e di organizzare un bel givaway per tutti i miei adorati lettori. Come poter rifiutare?
E' la prima volta che collaboro con una casa editrice e non potete immaginare la mia felicità nel poter organizzare questo giveaway!
Presto arriverà anche la recensione, ma nel frattempo potete cercare di aggiudicarvi una copia di questo romanzo così da poter commentare e confrontare le nostre opinioni una volta terminata la lettura!
 
Titolo: Mi vuoi sposare?
Autore: Elisabetta Belotti
Editore: CentoAutori
Collana: A cuor leggero
Sottogenere: Chick Lit
Pagine: 174
Prezzo: € 7,50
Pagina ufficiale del libro:
http://www.centoautori.com/mi-vuoi-sposare/


TRAMA: Lisa, trentenne wedding planner, ha tutto ciò che aveva sempre desiderato: il lavoro dei suoi sogni, un fidanzato bello e ricco con cui convive, delle amiche fidate. Ma, quando scopre per caso che il fidanzato l’ha tradita, e per giunta con una ragazza dell’Est che, più che una bellezza da copertina, ricorda una Yoko Ono in parrucca bionda, deve rimettere in discussione la sua vita. Affittato un minuscolo monolocale e incitata dalla socia Bea, a sua volta vittima di un amore impossibile, Lisa si immerge nel folle mondo delle single di ritorno, con l’obiettivo di trovare un nuovo fidanzato e, naturalmente, di sposarlo. Solo per scoprire, a sue spese, che gli uomini sul mercato non sono così appetibili come sembrano! Tra primi appuntamenti disastrosi, incontri inattesi, week-end snervanti e un massiccio uso dei social network, Lisa si adatta alla nuova realtà. Riuscirà a ritrovare l'amore?

AUTRICE: Elisabetta Belotti è nata e risiede in provincia di Bergamo. Laureata in Lettere alla Cattolica di Milano, insegnante per passione da molti anni, blogger per caso, su labiondaprof.wordpress.com racconta le sue avventure quotidiane di professoressa e mamma della piccola Biondina. Cerca sempre di cogliere il lato ironico della vita; a volte sogna di ritirarsi in una baita di montagna, assecondando così la metà ladina della sua origine. Ha pubblicato Il Manuale del perfetto marito (Sesat Edizioni, 2012); un suo racconto è stato inserito nell’antologia Volevo fare la casalinga… (Albus Edizioni, 2012). Nel 2013 il suo racconto Diario di una professoressa è stato selezionato dalla Scuola Holden per il progetto #wehaveadream e pubblicato nell’omonimo e-book.

Come vincere una copia di questo romanzo?
  
Per avere la possibilita di vincere basta fare poche semplici cose:
essere lettori fissi del blog
commentare questo post inserendo un indirizzo email a cui essere contattati in caso di vincita
rispondere alla domanda: credete che gettarsi a capofitto nel lavoro dopo una delusione di qualsiasi tipo aiuti a superare la sensazione di sconforto e dolore?

Per avere più possibilità potete inoltre: (facoltative)
cliccare "mi piace" sulla pagina facebook Edizioni Cento Autori
seguire il blog su instagram
condividere il givaway sui social network
aggiungere sul vostro blog il banner  <a href="http://feelingbookish18.blogspot.com/2015/07/giveaway-mi-vuoi-sposare-di-elisabetta.html"><img src="http://i58.tinypic.com/2n74n52.png" height="145" width="auto"></a>

- Il givaway terminerà domenica 26 luglio alle 23.59 -


A causa di un'errore tecnico è stato postato un'altro post identico a questo. Potete commentare indifferentemente uno dei due post per partecipare al giveaway. Se commenterete entrambi verrà preso in considerazione un solo commento.


Buona fortuna a tutti!
Silvia.

You Might Also Like

3 commenti

  1. Partecipo *_* la mia email è Angealetroiano96@hotmail.com
    credete che gettarsi a capofitto nel lavoro dopo una delusione di qualsiasi tipo aiuti a superare la sensazione di sconforto e dolore?
    io penso che dopo una delusione, si voglia solo andare avanti, tutti abbiamo bisogno di una distrazione. Tutti ne abbiamo il bisogno. Una delusione di qualsiasi tipo, ci continui a pensare, e ripensare. Purtroppo o si va avanti e cancellare tutto e distrarsi, oppure si cerca di risolvere la cosa.
    Dipende da cosa vogliamo, e dal tipo di delusione, però è anche vero che ti fanno capire chi hai accanto o ... se eri davvero legata all'altra persona se avevi fiducia in lei.
    Ho messo mi piace su instagram e pagina fb :) thank you!

    RispondiElimina
  2. Partecipo volentieri ^^
    GFC: Alessia
    email: alessiacrescenzo@gmail.com
    Non credo che gettarsi a capofitto nel lavoro sia il metodo giusto per superare una delusione di qualsiasi tipo perché fin quando non la si affronterà rimarrà sempre lì ad assillarvi e non si riuscirà ad andare avanti
    Ho messo mi piace alla pagina fb come Alessia Crescenzo
    Ti seguo su instagram (sono alessiacrescenzo)
    Condivisioni:
    https://twitter.com/Thegirlonfaiah/status/621762075099054081
    https://plus.google.com/106627474565844112346/posts/2SzV3oD6HH7

    RispondiElimina
  3. Partecipo! :D La mia email è debyf96@gmail.com
    Ho messo mi piace alla pagina Facebook come: Deborah Foca
    E ti seguo su Instagram come: debyf96
    Condiviso su Twitter: https://twitter.com/Deborah96_/status/622784885778960384
    Facebook: https://www.facebook.com/deborah.foca/posts/10204709376918830?pnref=story
    Google+: https://plus.google.com/u/0/113607592311129497830/posts/1WKTx3gCYdL

    Per quanto riguarda la domanda, non credo che buttarsi a capofitto nel lavoro dopo una delusione possa aiutare a superare il dolore, penso piuttosto che rappresenti un modo per cercare di non pensarci momentaneamente in quanto la mente, in quel momento, è completamente assorbita dal lavoro. Ma se è un lavoro in cui la mente non viene impegnata granché, o comunque appena aver finito di lavorare, il dolore sarà ancora lì, purtroppo.
    Detto questo, grazie per l'opportunità e incrociamo le dita! :)

    RispondiElimina

Like us on Facebook

Awards

Collaboro con